Non sapete come scegliere un tagliacapelli ? Questa guida nasce con lo scopo di aiutare tutti coloro che sono fortemente indecisi sull’acquisto di un regolacapelli. In commercio si trovano numerosi modelli di tagliacapelli, realizzati con diverse tecnologie, diversi pettini distanziatori per le lunghezze di taglio, diversi materiali ma soprattutto lame differenti. Cercheremo quindi di spiegarvi quali sono i fattori principali da prendere in considerazione per essere sicuri di acquistare un buon tagliacapelli.

Tipologia di Lame

Per prima cosa, dovrete tener conto del tipo di lama che monta un tagliacapelli. In commercio esistono 3 tipi di lame:

  • Tipi di Lame dei TagliacapelliLame in ACCIAIO: le lame realizzate in questo tipo di materiale sono ormai divenute uno standard, permettono infatti una buona qualità di taglio ma necessitano spesso di essere lubrificate.
  • Lame in TITANIO: le lame in titanio invece hanno il particolare di essere meno soggette ad usura, mantengono le prestazioni elevate nel tempo, consentono un buon taglio (specialmente le lame al titanio di ultima generazione) e non necessitano di particolare manutenzione.
  • Lame in CERAMICA: le lame in ceramica sono attualmente le migliori come prestazioni, permettono un taglio netto, preciso e mantengono una buona affilatura nel tempo. Non necessitano di manutenzione, tuttavia hanno lo svantaggio di essere molto delicate, quindi state attenti e maneggiate il tagliacapelli con cura evitando di farlo cadere, altrimenti potreste danneggiare i denti delle lame in ceramica.

Sebbene le lame al titanio e quelle in ceramica sembrano a tutti gli effetti migliori delle lame in acciaio inox, non fatevi ingannare più di tanto, infatti si possono trovare dei tagliacapelli (come alcuni modelli della Philips) che permettono un ottimo taglio anche se dispongono di lame in acciaio inox, quindi affidatevi sempre ad una buona marca e soprattutto leggete le nostre recensioni per farvi un’idea sul tagliacapelli al quale siete interessati.

Batteria

La batteria è senz’altro un altro fattore importante per stabilire se il tagliacapelli che intendete acquistare sia valido o meno. Le batterie principali che troviamo nei recenti tagliacapelli sono sostanzialmente di due tipi:

  • Durata BatteriaBatteria Ni-Mh: questi tipi di batterie sono al nichel-metalidrato, sono molto diffuse perché non presentano un effetto memoria molto rilevante e possono avere 2 o 3 volte la capacità di una batteria NiCd di pari dimensioni. Tuttavia questo tipo di batteria tende a scaricarsi prima delle batterie Li-Ion e ad avere dei tempi di ricarica molto lunghi (solitamente 8/10 ore, a seconda dei modelli). Inoltre tendono a rovinarsi prima delle batterie Li-Ion.
  • Batteria Li-Ion: questo tipo di batteria invece è agli ioni di litio, vengono usate sempre più spesso nei tagliacapelli di ultima generazione e consentono dei tempi di ricarica veloci (solitamente un’ora) e si scaricano più lentamente. Non hanno l’effetto memoria e sono senz’altro più facili da mantenere, sostanzialmente possiamo ricaricarle come e quando vogliamo.

Dunque, quando scegliete un tagliacapelli, fate sempre attenzione al tipo di batteria che monta, deve essere almeno di una di queste due tipologie, meglio ovviamente se è di tipo Li-Ion. Considerate anche che l’autonomia media di un regolacapelli è di circa 40 minuti.

Qualità dei Materiali

Qualità dei MaterialiAltro aspetto molto importante sono i materiali. Pensate sempre che se un tagliacapelli dispone di ottimi materiali di costruzione, durerà sicuramente più a lungo. Infatti se il tagliacapelli dispone di buone lame e quindi consente un buon taglio, ma non è stato realizzato con dei buoni materiali, c’è il rischio che si danneggi il motore ma soprattutto gli accessori. Tra gli accessori principali troviamo i pettini distanziatori, devono avere un minimo di robustezza, altrimenti si rischia di danneggiarli se accidentalmente cadono a terra, obbligandoci ad un nuovo acquisto perché le parti di ricambio sono anche piuttosto difficili da reperire. I tagliacapelli di fascia media (40 / 50 euro) dispongono di una buona tecnologia di taglio, tuttavia le plastiche dei pettini distanziatori sono spesso sottili e fragili, addirittura alcuni pettini, se premuti con un po’ più di forza sui capelli, si flettono variando la lunghezza del taglio. In questo modo si rischia di tagliarsi i capelli in modo piuttosto irregolare e disomogeneo. Ecco perché la qualità dei materiali è un fattore importante da tenere sempre in considerazione.

Lunghezze di Taglio

Pettini Tagliacapelli - Lunghezza TaglioOgni consumatore ha delle esigenze specifiche, specialmente quando si tratta di prodotti per la cura del corpo. Nel caso di un tagliacapelli, dovete stabilire la lunghezza di taglio con il quale intendete abitualmente tagliarvi i capelli, quindi prima di acquistare un regolacapelli, informatevi sulle lunghezze di taglio disponibili che un modello può offrire. Ad esempio, la quasi totalità dei tagliacapelli offrono una lunghezza media che può arrivare circa a 2,5 / 3 cm, alcuni modelli hanno anche in dotazione dei pettini distanziatori che permettono di eseguire tagli fino a 4/5 cm. Questi ultimi, sono tagliacapelli molto comodi per chi intende eseguire dei tagli un po’ più elaborati, ad esempio il classico capello un po’ più lungo sopra e più corti ai lati, magari con una sfumatura per non far vedere troppo lo stacco tra un taglio e l’altro.

Quindi se non sapete come scegliere un tagliacapelli, seguite i nostri consigli e non ne rimarrete delusi 🙂 !

Share Button